ASTRORING

logo-astroring next info previous

Pagina facebook

Pagina facebook
CLICCA "MI PIACE" ALLA PAGINA FACEBOOK

Visualizzazioni totali

martedì 11 marzo 2014

Formazione del sistema solare

Formazione del sistema solare

Dopo aver capito cosa sia davvero il nostro sistema solare, ora occupiamoci invece della sua formazione.


La teoria più accreditata riguardo la nascita del sistema solare è quella nebulare, secondo cui il Sole e i pianeti si siano formati da una nebulosa di gas interstellari in contrazione gravitazionale, circa 4,6 miliardi di anni fa. (Questa ipotesi si basa sul fatto che i pianeti orbitano tutti nello stesso verso intorno al Sole e che le orbite si trovano approssimativamente tutte sullo stesso piano).


Ecco dunque le fasi della formazione:

1) Circa 5 miliardi di anni fa – All’interno della nube si crea una parte più densa e di conseguenza la nube incomincia a contrarsi sotto la spinta della forza gravitazionale.
(Probabilmente ciò che creò tale situazione di instabilità fu un enorme onda d’urto provocata dall’esplosione di una supernova; essa rilasciò inoltre elementi pesanti formatisi nell’ultima fase di vita della stella morente, che si andarono a sommare alle polveri interstellari già presenti nella nebulosa.)

2a) In pochi milioni di anni – La densità della zona centrale aumenta fino a formare il proto-Sole.

2b) La nebulosa si appiattisce sotto l’azione della crescente forza gravitazionale e della forza centrifuga.

3)  Ne consegue la formazione dei planetesimi: piccole aggregazioni di materia che, scontrandosi lungo le orbite, danno vita ai proto-pianeti.

4) Nelle fasi finali di formazione del sole un forte vento solare spinge verso l’esterno gli elementi leggeri (idrogeno, elio) lasciando nelle zone interne quelli pesanti (metalli, silicati). 
(I pochi elementi pesanti all'interno andarono a formare i piccoli pianeti rocciosi; gli abbondanti elementi pesanti spinti verso l'esterno formarono i giganti gassosi.)

5) Solo ora i proto-pianeti liberano la loro orbita da altri corpi minori, diventando i pianeti così come li conosciamo oggi.